Dopo Napoli e Bologna, domande sul rinnovo ad Insigne

Con la sconfitta tre a zero sul Bologna, il Napoli conquista il primo posto in classifica e anche negli antepost (scommesse finale bookmakers, clicca qui per approfondire). Due goal di Insigne dopo quello di Fabian Ruiz, grande presenza del Napoli in campo.

Allenamenti ripresi per la prossima partita

Il prossimo avversario del Napoli sarà la Salernitana allo Stadio Arechi. Si gioca domenica 31 ottobre alle 18, un incontro così ravvicinato non lascia tempo per il recupero così gli allenamenti sono già iniziati. La squadra in fase di allenamento è stata divisa in due gruppi, alcuni giocatori hanno svolto lavoro di scarico, altri lavoro atletico, poi partitina a campo ridotto. Secondo diversi giornali, nella prossima partita entreanno in campo Ospina, Di lorenzo, Rrhmani, Koulibaly, Mario Rui; Fabian Ruiz, Demme, Elmas; Politano, Osimhen, Insigne. Schema 4-3-3. Vengono dichiarati indisponibili Manolas, Malcuit e Ounas ma aspettiamo domenica per scoprire se veramente questi giocatori non scenderanno in campo.

Rinnovo Insigne, non chiedeteglielo troppe volte

Molti giornali sono concentrati sul rinnovo contrattuale di Lorenzo Insigne, c’è chi dice che potrebbe fermarsi la sua carriera e chi invece potrebbe proseguire per altri anni. La scadenza sarà a giugno 2022 e per ora non ci sono novità. Anche su Sky Sport la domanda si è posta e l’attaccante ha risposto “Il mio contratto in scadenza? Mamma mia, pensate sempre e solo a quello.” Come tanti altri calciatori pressati da domande su rinnovi, contratti e stipendi ha risposto di essere concentrato sul campo e sul Napoli, quindi solo sul gioco. Al resto? ci pensano la società e il mio procuratori. Poi ha chiarito sui rigori, alcuni bellissimi altri non andati bene che “lo sbaglia solo chi li calcia” con il Bologna Insigne era tranquillo.

Victor Osimhen non esulta al terzo goal del Napoli, perché?

Victor Osimhen non ha esultato al terzo goal del Napoli sul Bologna con rete di Lorenzo Insigne. Questo raccontano alcuni giornali che hanno definito l’episodio curioso. L’attaccante si è messo in disparte al momento della battuta del capitano. Dopo la rete, invece di correre contro Insigne per festegiare, è andato verso il centrocampo senza mostrare segni di contentezza o ottimismo. Verrà raggiunto da altri compagni tra cui Koulibaly, si parla di una tiratina di orecchie ad Osimhen, giocatore che ha contribuito fortemente alla prima posizione in classifica della squadra ma si sta facendo conoscere anche per il carattere forte e ribelle. In realtà, ci sono delle dinamiche in campo avvenute proprio intorno al secondo o all’ultimo rigore, il capitano si è preso la responsabilità dei due goal.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.